';
side-area-logo
da 49 €
Prenota >>


24 ore in Romagna

24 ore in Romagna

Dal mare alla montagna, breve viaggio in un entroterra da scoprire

Full immersion fra le bellezze di Romagna: dalla spiaggia di Bellaria alle colline di Santarcangelo e Verucchio, per poi tornare verso il mare.  Un percorso da fare in auto o in bicicletta, per cogliere in un solo giorno tutte le sfumature di un territorio dai mille volti.
Bellaria – Santarcangelo – Verucchio – Rimini

Il percorso può essere effettuato anche in bicicletta o mountain bike per gli amanti dell’outdoor, altrimenti si può seguire un percorso “slow” in auto, con le stesse tappe.

  • Preparazione al percorso del giorno (check attrezzatura o noleggio bike)

Grazie a guide e professionisti, vengono noleggiate o controllate le bici in dotazione per poter partire pronti.

  • Prima tappa: Santarcangelo

Seguendo le dolci colline dell’entroterra, si può raggiungere Santarcangelo di Romagna, che si sviluppa sopra e intorno al monte Giove.

  • Visita alla Stamperia Marchi e alle grotte tufacee

Simbolo della tradizione romagnola, tra gli altri, è la stampa su tela color ruggine, che all’Antica Stamperia Marchi si esegue da secoli con un antico mangano.

Altro aspetto importantissimo della tradizione è la conservazione del vino e dei prodotti della terra, fatta attraverso i cunicoli delle grotte tufacee che corrono al di sotto dei ciottoli del centro, visitabili anche dai viaggiatori che si imbattono in questa cittadina

  • Visita alla Collina dei Poeti per una degustazione

Questa azienda agricola, oltre ad avere una sua etichetta di vini, organizza degustazioni di prodotti e piccole escursioni nella campagna santarcangiolese.

  • Seconda tappa: Poggio Torriana

Continuando a salire, si raggiunge la parte più a valle del comune di Verucchio, passando per le strade e colline di Poggio Berni.

  • Visita al Mulino Sapignoli

Il Museo è ospitato in un mulino di tradizione contadina, con antichi macchinari ancora funzionanti e un percorso etnografico nel passato della famiglia che lo operava. Oltre a un ampio giardino, è possibile visitare il rifugio bellico con la voce narrante che racconta i momenti più spaventosi e insieme magici della guerra. Al piano nobile dell’edificio si trova la Biblioteca civica di Poggio Torriana.

  • Terza tappa: arrivo a Villa Verucchio

 

  • Visita alla Tenuta Amalia

Alla Tenuta Amalia sono annesse varie attività: La Cantina della Gea, vini in degustazione, enoturismo e visite alla cantina storica e due ristoranti tipici; e Rò e Bunï e ‘e Croin’. Queste oasi di charme si affacciano sullo splendido campo di golf: il Rimini Golf Club con 18 buche e la Golf Academy.

Pranzo: presso le Cantine della Gea a Villa Verucchio

Bellaria – Santarcangelo – Verucchio – Rimini
  • Risalita verso il borgo di Verucchio

Il borgo antico della cittadina ospita ancora la sua rocca Malatestiana, avamposto del Mastin Vecchio, visitabile anche all’interno. Altro punto di forza del borgo, a parte le botteghe e le stradine tipiche, il museo archeologico, con reperti risalenti alle civiltà etrusche della zona.

  • Rientro verso Rimini

Se si procede in mountain bike, la pista ciclabile lungo il fiume Marecchia riporta direttamente attraverso il parco fino al Ponte Tiberio di Rimini.

  • Quarta tappa: Borgo San Giuliano a Rimini

Questo caratteristico borgo di pescatori è uno degli scorci più particolari di Rimini. Le case negli anni si sono colorate grazie ai murales della festa che si svolge qui ogni due anni e della ristrutturazione di queste antiche case. Oltre a poter vedere angoli suggestivi, è possibile passeggiare nel piccolo parco intorno al ponte di Tiberio (antico punto di partenza per la via Flaminia, la via Emilia e la via Popilia) e rilassarsi con un aperitivo o una cena a base di pesce.

Cena: per una piadina gustosa e gourmet al Nud e Crud, per una cena più sostanziosa L’Osteria de Borg o l’Angolo Divino.

Rientro a Bellaria sul lungomare della Riviera, verso nord.

Rientro in hotel.

X